Una mela e una rimessa dal fondo

“Gradisce una mela?”

Qualcuno se la ricorda la voce del cameriere mentre ritirava i piatti dal tavolo. Adesso la frutta al ristorante non esiste più, solo roba intagliata da spade giapponesi o allestita da architetti newyorkesi ma se uno vuole una mela è meglio che vada all’ortofrutta o dal pakistano. Semplicemente dimenticata. Tipo la rimessa dal fondo durante una partita di calcio. Ecco, se c’è da certificare la morte di un gesto tecnico così antico e primordiale, così novecentesco, è quella della rimessa dal fondo con un calcione al pallone. Un gesto dismesso che non entra tra le possibili variabili quando si pensa ad una partita e quando la si guarda; sparito nelle massime serie dei campionati maggiori europei, e difficilmente reperibile nelle serie professionistiche inferiori. Provate a fare il conto di quante rovesciate sono state fatte durante un campionato, quante rabone, quanti tunnel, quanti sombreri e quanti cucchiai ma è probabile che nessuna di queste voci sia inferiore al numero di rimesse dal fondo effettuate con un bel calcio al pallone. Fatto dal portiere, con quel respiro che diventa quasi un urlo misto sofferenza e mantra, lo stesso che sentiamo ancora alle Olimpiadi uscire dalle gole dei lanciatori del peso; sospeso in aria, scagliato dal portiere insieme alla palla che parte in alto per atterrare dopo la metà campo, a cercare qualche capocciata. Andrebbe bene anche uno stop elegante lungo linea di esterno, ma niente. Rimesse dal fondo che un tempo erano battute non solo dal portiere ma pure dal libero, dallo stopper, da un difensore centrale. Una volta era normale. Oggi è un gesto tecnico scomparso. L’estrema necessità di avvicinare la palla alla porta avversaria, per questioni di risultato e soprattutto di tempo, adesso non vede tra le variabili questa opzione. Si “costruisce dal basso”. Nessun giudizio finale, nessuna nostalgia o ode ai bei vecchi tempi, in fondo chissene, ma una constatazione amichevole di come senza un cambio di regolamento alcune cose siano morte e sepolte. Se il retropassaggio al portiere col numero 1 che la prende tra i guanti non si può fare per regolamento non c’è scritto da nessuna parte che il rinvio da fondo alla novecentesca sia vietato. C’è scritto che prima della stagione attuale il pallone era in gioco solo quando usciva dall’area mentre ora gli avversari possono entrarti in area anche se la palla appena calciata è ancora dentro e dare dosso a portiere e difensori. Sì, ma il calcio al pallone nessuno te lo vieta. Se la regola del fuorigioco o quella del fallo di mano è cambiata nel tempo, se adesso in emergenza si è arrivati a 5 sostituzioni, non c’è nessuno che abbia scritto di non fare rimesse dal fondo col calcio lungo. Si può fare. E ogni tanto una boccata d’aria, una zampata al pallone, una rinfrescata ai vecchi precetti, perché no?

E sono spariti di conseguenza pure i gesti che accompagnavano la rimessa del portiere. Minacciosi, limacciosi, spocchiosi. Due tacchettate al palo, un respirone che d’inverno diventava una nuvoletta di zucchero filato, una sistemata all’elastico dei calzoncini e soprattutto la mano che faceva quel movimento “fattipiùinlà”, stammi lontano, stammi lontano che ti faccio male. Alcune volte più plateale, con entrambe le braccia a mimare una raccolta dal basso a disegnare semicerchi nell’aria “suuuuuuu”. “Saliiiiiii” e poi sbam.

Neanche su youtube si trova più una rimessa dal fondo fatta bene. O sono rilanci del portiere che arrivano nell’altra area e in qualche modo finiscono in gol o sono le tecniche di calcio del portiere, con palla in mano che se l’alza sul piede buono e quasi di mezzo esterno collo la calcia forte per fare un assist in “ripartenza”, e non in contropiede, che è come chiamare “carta di circolazione” quello che si usa dire “libretto” ad un posto di blocco. Cambia zero ma piace di più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...